Finding Light in the Darkness

Finding Light in the Darkness

When I saw down to write this article, I certainly wanted to acknowledge the world health crisis we are all experiencing; however, I did not want to write a news report as there are plenty of those out there. Instead, I decided to ask my friends and relatives in Italy, who have been stuck at home for a month now and will continue to be, if there is something positive that this quarantine life has brought to them and their families. Passed the first rounds of understandable negative comments, I was amazed at the deep reflections that everyone shared.

“The thought of being locked up at home for an indefinite time has completely taken me by surprise. The normal rhythm of life was suddenly turned upside down; work and commitments cancelled which are both very important to me. However, with the days passing by, I discovered what we sometimes lose in the frenzy of life: spending quality time with the family, especially for me with two small children! So, if I have to find a positive side to this whole situation, I can say that the most precious gift we can have is time, the only resource that allow us to be with the people we love!” Daniele, small gelato shop owner. Rome.

“Something I truly understand now, which we’ve always taken for granted, is how important it is to be able to go out and see the people you love. You don’t appreciate something until you lose it. I haven’t been able to see my boyfriend, I haven’t made any money, and I’m stuck at home with my parents! However, it’s been amazing to see how we’ve all come together to bring each other strength through the music we play every day from our balconies. DJs, musicians, singers fill the empty streets with beautiful music, warming up the hearts of all and bringing hope and life to the quiet of the moment. Everyone has become more patriotic! It’s also great that some companies like Calzedonia and Armani have proved to be very altruistic, changing their production facilities to make breathing masks and hazmat suits.” Alessia, physiotherapist. Rome.

“I miss being stuck in traffic! You don’t appreciate the traffic until you see empty streets. Of course, there have been a lot of environmental benefits to this terrible situation; less pollution, cleaner seas, animals have come back etc. There have also been less car accidents, or better none and people have brought back homemade cooking again. Everyone is making their own bread, pasta and cakes. So I guess there are many positive things… but I still want to get out!” Camilla, Social Media Manager. Rome.

“This is a great opportunity for families to get closer together even though I’ve had to learn how to live in quarantine by myself. I’ve started to do all of the simple things that I never had time for but that truly being me pleasure, such as reading, studying for my university exams, or do projects that I would always postpone. It is through solitude and boredom that I’ve been able to learn a bit more about myself and dedicate more time to foster my passions.” Micol, psychology student, babysitter and theatre teacher. L’Aquila.

“This quarantine happened during a very special time in my life, pregnancy. Apart from being a little apprehensive, I’ve been extremely happy to spend my days with my fiancé. Being already on maternity leave, I’ve felt less alone and we’ve had more time to finish getting things ready for the baby. We’ve spent time cuddling, playing, talking and imagining how our future will be with our little one. I’ve also had the time to dedicate to my hobbies, such as cooking and reading. I’ve put some order in both my drawers and my thoughts. After the first few hard days for the mandatory quarantine, I’ve realized how lucky I am to be in good health, to have a home and a job. I’ve meditated a lot and after this experience I’m certain I will be more grateful for life itself.” Alessia, CRM & Marketing Manager. Rome.

“I haven’t left my house since March 7, except for sporadic visits to the nearest supermarket or pharmacy, to check if there are some more masks available.
These 25 days of lockdown have given me an infinite amount of free time, which I never thought I could have and which, I hope, I’ll never have again, at least with these terms. Free time to think, to reflect on the fact that health is truly the most precious thing we have. These days – that look all the same – have turned into an opportunity to tackle all those projects I never have time for: to study German, to collect all the souvenirs from my travels and create a scrapbook, to do some spring cleaning with my mom, or to take care of my skin, and to appreciate the privilege of being able to face this invisible enemy surrounded by so many comforts.
I rediscovered that small things enrich my days, how important it is to not take for granted being able to go grab coffee with friends or to go for a run at 6 in the morning by the lake; of course, I miss traveling, but it’s the everyday things that make my life happy. I’ve always known that, but this situation made me more aware, in the most brutal way.” Francesca, Insegnante. Como

Even though in many parts of the U.S. the quarantine measures have not been enforced yet, I hope we are all taking the opportunity to stay home with our loved ones and reflect on what’s truly important in life. I personally am trying to meditate every day and I’m beyond grateful to have my main Italian family here, my mamma and nonno. My mother is a nurse who just retired last May from a hospital in Rome that has been flooded with Covid-19 patients. Many of her co-workers and friends have been affected and some doctors have died. The small city of Bergamo lost 59 doctors as of a few days ago. So, let’s be grateful for our health and pray for the health of those affected and of all the healthcare professionals.

 

__

 

Italian Version

Trovare la luce nel buio

Quando mi sono seduta per scrivere la newsletter di questo mese, sapevo di voler far cenno alla crisi mondiale che stiamo tutti passando; ma non volevo scrivere un articolo di giornale visto che ce ne sono abbastanza in giro. Ho invece deciso di chiedere ai miei amici e parenti in Italia, che sono rinchiusi a casa da un mese e continueranno ad esserlo, se sono riusciti a trovare qualcosa di positivo nel mezzo di questa quarantena. Superato il primo round di comprensibili commenti negativi, sono rimasta stupita dalle riflessioni che hanno condiviso.

“Il pensiero di restare rinchiuso in casa per un tempo indefinito mi ha spiazzato totalmente, voleva dire ridurre a zero il ritmo di vita, cosa che tra il lavoro e gli impegni tengo sempre al massimo. Però col passare dei giorni ho scoperto quello che nella frenesia della vita a volte si perde ovvero passare del tempo di qualità in famiglia soprattutto per chi come me ha dei figli piccoli! Quindi se proprio devo trovare un lato positivo per tutta questa situazione dico che il bene più prezioso che possiamo avere è il tempo, l’unica risorsa che ci permette davvero di stare con le persone che amiamo!”
Daniele, proprietario di una piccola gelateria. Roma.

“Sicuramente ora capisco quanto è importante poter uscire e vedere le persone che ami. Della serie non apprezzi una cosa abbastanza finché non la perdi. Non posso vedere il mio fidanzato, non guadagno e sono bloccata a casa con i miei! Però è stato bello vedere come tentano tutti di forzi forza con la musica dal balcone. Siamo tutti diventati più patriottici! Inoltre, alcune grandi aziende come Calzedonia e Armani si sono dimostrate molto altruiste modificando le loro fabbriche per produrre camici e mascherine”. Alessia, fisioterapista. Roma.

“Mi manca essere bloccata nel traffico! Non apprezzi il traffico fino a quando vedi strade vuote. Ovviamente, ci sono state tante cose positive al livello ambientale; c’è meno inquinamento, le acque dei porti sono più pulite, sono tornati gli animali ecc. Ci sono anche meno incidenti stradali, o meglio nessuno e la gente ha riapprezzato la cucina fatta in casa. Tutti stanno facendo il pane, la pasta e le torte. Quindi ci sono molte cose positive… però voglio uscire!” Camilla, Social Media Manager. Roma

“Questa è una grande opportunità per il riavvicinamento delle famiglie anche se io ho dovuto imparare come vivere in quarantena da sola. Ho iniziato a fare tutte le piccole cose che mi portano gioia per le quali non avevo mai tempo, come leggere, studiare per gli esami, e fare progetti che continuavo a rimandare. Attraverso la solitudine e la noia, ho imparato molte cose su di me che non conoscevo e ho ricominciato a coltivare le mie passioni”. Micol, studente di psicologia, babysitter ed insegnante di teatro. L’Aquila.

“Questa quarantena è capitata in un periodo molto particolare della mia vita, ossia la gravidanza. Apprensione a parte, sono stata molto felice di condividere le mie giornate insieme al mio compagno. Essendo già in maternità, mi sono sentita meno sola e inoltre abbiamo avuto tutto il tempo per terminare gli ultimi preparativi. Abbiamo anche trascorso tanto tempo a coccolarci, giocare, parlare e immaginare come sarà il nostro futuro insieme alla nostra piccola. Ho inoltre avuto modo di dedicarmi ai miei hobby casalinghi preferiti, ossia cucinare e leggere. Ho rimesso ordine nei miei cassetti e nei pensieri. Dopo i primi giorni di sconforto per la reclusione forzata, ho preso coscienza della fortuna che ho ad essere in salute, avere una casa e un lavoro. Ho meditato molto e dopo questa esperienza sono certa di uscirne più riconoscete nei confronti della vita”.
Alessia, CRM & Marketing Manager. Roma

“Oramai è dal 7 marzo che non esco di casa, se non per sporadiche visite al supermercato o alla farmacia più vicina per controllare se siano arrivate nuove mascherine.
Questi oramai 25 giorni di reclusione mi hanno concesso un’infinità di tempo libero, che mai avrei pensato di poter avere e che, spero, non avrò mai più, almeno in questi termini. Tempo libero, per pensare, per riflettere su quanto la salute sia la cosa più preziosa che abbiamo. Queste giornate tutte uguali si sono trasformate in un’opportunità per prendere in mano tutti quei progetti per cui non ho mai tempo: studiare tedesco, raccogliere tutti i souvenir dei miei viaggi in un unico scrapbook, fare le pulizie di primavera in anticipo con mia mamma, prendermi cura della mia pelle, e apprezzare il privilegio di poter affrontare questo nemico invisibile circondata da tante comodità. Ho riscoperto quanto le faccende quotidiane arricchiscano le mie giornate, quanto non sia scontato poter uscire a prendere un caffè con gli amici o andare a correre alle 6 del mattino in riva al lago; certo, mi manca non poter viaggiare, ma sono le piccole cose di ogni giorno che rendono felice la mia vita. L’ho sempre saputo, ma questa situazione me lo ha fatto ricordare nel modo più brutale possibile”. Francesca, Insegnante. Como

Anche se in molte parti degli Stati Uniti la quarantena non è ancora forzata, spero che stiamo tutti usando questa opportunità per stare a casa con i nostri cari e riflettere su ciò che è veramente importante nella vita. Io sto cercando di meditare ogni giorno e sono grata di avere la mia famiglia italiana qui, mia madre e mio nonno. Mia madre è un’infermiera ed è andata in pensione lo scorso maggio. Lavorava in un ospedale a Roma che è pieno di pazienti del Coronavirus. Molti dei suoi colleghi e amici sono stati contagiati e alcuni dottori sono anche morti. La piccola città di Bergamo ha perso 59 medici. Quindi cerchiamo di essere grati per la nostra salute e preghiamo per la salute di tutte le persone contagiate e di chi lavora nella sanità.