Arquà Petrarca e la Festa dell’Olio

Arquà Petrarca e la Festa dell’Olio

The small town of Arquà Petrarca, in the province of Padova, made it on the list of the Borghi più Belli d’Italia (most beautiful villages in Italy) not just for its stunning hilltop views and medieval streetscape but also for its culinary traditions and its hospitality. This region is particularly renowned for its wine and olive oil production. If you are an olive oil lover, November is the perfect month to visit as one of the best Festa dell’Olio in Italy takes place right here. There will be tastings, contests for the best oil, and every restaurant in town will have special menus featuring a variety of fine olive oils produced in the region. A very typical dish, definitely a must-try, is the brodo di giuggole (broth of jujube), made with dried jujube, quince, grapes, wine, sugar and lemon zest. The expression “andare in brodo di giuggiole” means that someone is really happy and euphoric and comes from the reaction that people have when eating this product.

If the culinary traditions of this enchanted village haven’t convinced you yet to pay it a visit, maybe Francesco Petrarca will. If you love poetry, you might be familiar with Petrarch, one of the most important writers and poets of the Middle Ages. He loved this village so much that he spent the final years of his life here, in a beautiful house that is still open to visitors today. Until 1868 the name of the village was simply Arquà but, after the annexation to the Kingdom of Italy of the Veneto region, Petrarca was added, as an homage to the great poet.

__

Italian Version

La piccola cittadina di Arquà Petrarca, in provincia di Padova, fa parte della lista dei Borghi più Belli d’Italia non solo per le sue viste mozzafiato e le pittoresche stradine medievali ma anche per le sue tradizioni culinarie e la sua eccellenza nell’ospitalità. Questa regione è famosa per il vino e la produzione dell’olio d’oliva. Se siete amanti dell’olio, novembre è il mese perfetto per una visita durante una delle più belle Feste dell’Olio in Italia. Ci saranno degustazioni, concorsi per gli oli migliori, e ogni ristorante del borgo offrirà dei menù speciali per esaltare la varietà di oli DOP prodotti nella regione. Un piatto molto tipico, assolutamente da provare, è il brodo di giuggiole, fatto con giuggiole essiccate, mela cotogna, uva, vino, zucchero e buccia di limone. L’espressione “andare in brodo di giuggiole” rappresenta una persona euforica che salta di gioia, proprio come dopo aver mangiato questo piatto.

Se le tradizioni culinarie di questo villaggio incantato non vi hanno ancora convinto a visitarlo, forse lo farà Francesco Petrarca. Se siete amanti della poesia, conoscerete sicuramente Petrarca, uno dei più importanti scrittori e poeti del Medioevo. Petrarca amava questa cittadina così tanto che passò gli ultimi anni della sua vita qui, in una casa bellissima che ancora oggi è aperta al pubblico. Fino al 1868 il nome del villaggio era solo Arquà, ma dopo l’annessione del Veneto al Regno d’Italia, Petrarca fu aggiunto come omaggio al gran poeta.